Marocco Argilla

#ICareProjects

Le donne dell’Argan

23 set , 2014  

Da tempo immemore, in Marocco, le capre si arrampicano sui tronchi degli alberi di Argania Spinosa, per cibarsi dei frutti che crescono sui loro rami. L’albero di Argan cresce oggi tra la piana del Souss e la costa di Haha, tra Essaouira e Agadir, e si estende nella zona sud-ovest del Marocco per circa ottocentomila chilometri quadrati. Nel 2008 le foreste marocchine di Argan sono state dichiarate dall’Unesco Riserva della Biosfera, per la loro importanza a livello naturalistico (gli alberi resistono a temperature fino a 50° e le loro possenti radici prevengono la desertificazione) e per il ruolo vitale che svolgono nell’economia locale. Le custodi dei loro segreti sono le donne, che da sempre si dedicano alla raccolta dei frutti e alla loro trasformazione in prezioso olio. Il metodo tradizionale consiste nel raccogliere i noccioli direttamente dalle feci delle capre, per poi estrarne i gherigli e ricavarne tramite la spremitura una pasta oleosa, con l’aiuto di una pressa. Filtrando questa pasta si ottiene l’olio puro: per produrne un litro, servono 30 chili di noci e quindici ore di lavoro manuale.

Argilla Marocco

Negli ultimi anni ai metodi tradizionali si sono affiancati metodi di spremitura meccanici che velocizzano la produzione, ma allo stesso tempo sono nate nella regione numerose cooperative femminili che tramandano il savoir faire antico dell’estrazione dell’olio tutelando le condizioni lavorative e di vita delle donne che vi si dedicano, attraverso la gestione completa del processo, dalla raccolta dei frutti (che, nella maggior parte dei casi, non passano più dall’intestino delle capre), passando per i laboratori dove vengono lavorati l’olio e i suoi derivati, fino alla vendita diretta nelle loro botteghe. Una di esse è la Coopérative Féminine Afra Takarkourte di Tahanaout nei pressi di Marrakech, che, oltre all’olio puro, produce e vende più di cento prodotti cosmetici e terapeutici: savon noir, balsami, creme, latte per il corpo; tutti a base di argan e aromatizzati all’eucalipto, ai fiori d’arancia, al ghassoul, alla verbena… L’olio di argan è ricco di vitamina E e possiede proprietà emollienti ed antiossidanti. L’altro grande suo uso è quello alimentare (il procedimento è lo stesso, ma i gherigli prima di essere spremuti vengono tostati): l’olio, dall’aroma nocciolato, viene parsimoniosamente usato per insaporire cous cous e insalate; pare che riduca il colesterolo e prevenga l’arteriosclerosi.
Comprare i propri souvenir del Marocco presso una di queste cooperative femminili vuol dire investire nell’economia locale e incoraggiare un circolo commerciale virtuoso, che fa a meno di intermediari e consente alle donne giovani e meno giovani delle zone rurali di essere libere e economicamente indipendenti, mentre tramandano di madre in figlia la sapienza millenaria e i segreti dolci di una natura ostile come quella delle terre desertiche.

Grazie Giulia!

Something To Care

About Something To Care

Tentativi più o meno riusciti di #viaggio responsabile.


2 Responses

  1. Sabrina scrive:

    Mi piace vorrei sapere come posso acquistare direttamente dalla cooperatival’olio di argan

    • saudadinhas scrive:

      Ciao Sabrina,

      scusami il tardo riscontro!

      Purtroppo non sono riuscita a recuperare l’indirizzo della cooperativa citata nell’articolo, ma sul sito della UCFA (Union des Coopératives des Femmes pour la Production et la Commercialisation de l’huile d’Argane) http://www.cooperative-argane.com puoi trovarne delle altre e chiedere come e dove acquistare i loro prodotti mandando una mail all’indirizzo contact@cooperative-argane.com

      Altrimenti puoi dare un’occhiata al sito di Gie Targanine (www.targanine.com), un’organizzazione che ha sede a Marrakech e comprende oltre 400 donne organizzate in 9 cooperative. I suoi prodotti sono reperibili in Italia attraverso Altromercato (non fanno vendita on-line diretta in Italia).

      Spero che queste informazioni ti siano utili.

      Ciao

      Giulia

Rispondi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: